Il Codice della Strada, e le sanzioni previste per le violazioni, mutano di continuo. Per questo è bene conoscere con attenzione tutte le novità in ambito di sanzioni per comportamenti scorretti alla guida. Come ben sappiamo, è assolutamente vietato utilizzare un telefono cellulare alla guida, se non per mezzo di vivavoce o con appositi strumenti che permettano di tenere le mani sul volante. 

Per cercare di scoraggiare quest’abitudine, dato che buona parte degli incidenti sono causati da distrazioni evitabili, si sta parlando in Parlamento di rendere operativa entro metà del 2017 una riforma del Codice della Strada che preveda sanzioni molto più gravi per chi usa il cellulare alla guida. 

La disposizione della quale stiamo parlando era stata proposta nel 2014, ed era rimasta in Senato per anni. Ora, però, i tempi sembrano maturi per la sua proposizione.

È al vaglio una disposizione per il ritiro immediato della patente per chi usa il cellulare in macchina mentre sta guidando. 

La nuova norma è ferma in Senato, ma le pressioni del Parlamento sono affinché essa venga approvata entro l’anno corrente. In questo modo si spera di poter finalmente dare un taglio alle continue morti sulle strade che si verificano a causa della disattenzione e delle distrazioni dei guidatori, giovani e meno giovani, impegnati a rispondere al cellulare oppure peggio ancora a scattarsi selfie.

Secondo il Rapporto Dekra, che si occupa di monitorare la situazione della sicurezza stradale in Italia, almeno 3 italiani su 4 mentre guidano usano il telefonino per chiamare, mandare messaggi, navigare su internet, aggiornare lo status dei social network. Un’abitudine pericolosissima. Lo scopo della Commissione Trasporti del Senato è quella di riprendere il più velocemente possibile il dialogo ed il confronto su questo tema, per poter giungere ad un’approvazione entro metà del 2017 di questa disposizione.

In questo modo, inasprendo fortemente le sanzioni, si spera che le persone che guidano vengano scoraggiate dall’utilizzare dispositivi cellulari in macchina senza avere appositi strumenti che consentano di mantenere le mani sul volante. 

 Uso del cellulare alla guida: nuove sanzioni 2017 

 Cerchiamo quindi di fare il punto su quali sarebbero le nuove sanzioni per chi utilizza il cellulare alla guida, se dovesse passare al Senato la disposizione di legge per inasprire le sanzioni del Codice della Strada a riguardo. 

Chi viene colto alla guida mentre sta telefonando o usando il cellulare rischia il ritiro immediato della patente, o la sospensione della patente da un minimo 15 giorni a massimo due mesi. 

Non solo; se viene commesso un incidente stradale a causa della distrazione perché si usa il cellulare per chiamare, inviare messaggi o altro, si rischia il sequestro amministrativo del telefono. 

Infine, è in progetto anche la possibilità di aumentare la sanzione prevista. 

Ora come ora, chi viene colto mentre guida col cellulare in mano rischia una sanzione che va da 161 euro a 646 euro, con tanto di decurtazione di cinque punti della patente (il doppio, per i neopatentati). In caso di recidiva, si rischia anche la sospensione della patente, da uno fino a tre mesi. 

 Altre novità del futuro Codice della Strada 

 Se la riforma del Codice della Strada dovesse essere approvata, non avremmo solamente l’inasprimento delle sanzioni per chi guida col telefono alla mano, ma anche l’obbligo di porre la scatola nera a bordo dei veicoli; l’autorizzazione di sistemi di assistenza alla guida (cioè possibilità in futuro di usare delle nuove tecnologie, come la guida autonoma, per aumentare la sicurezza); l’obbligo di avere vivavoce integratore in auto, del segnalatore dell’invasione in corsia opposta oppure dell’avvicinamento al margine della strada, frenata automatica ed assistita.