Al fine di andare incontro alle esigenze della clientela più giovane (generalmente, quella sotto i 35 anni di età, anche se i limiti cambiano da banca a banca) gli istituti di credito hanno approntato specifici prodotti di finanziamento utili per chi vuole acquistare casa e cerca un trattamento “privilegiato”. La soluzione a tale necessità è stata concretizzata nel mutuo prima casa giovani, un prodotto contraddistinto da una serie di agevolazioni, pur differenziate a seconda delle scelte delle aziende di credito. Vediamole insieme.

Rate leggere

Una delle principali agevolazioni proposte è la disponibilità di “rate leggere”. Sempre più istituti di credito, per poter permettere un facile rimborso nelle prime fasi del mutuo, quando si pensa che la situazione lavorativa dei più giovani non sia ancora consolidata, propongono un periodo di preammortamento iniziale da 1 a 10 anni, all’interno del quale si pagheranno rate composte da soli interessi. Al termine del periodo di preammortamento si inizierà invece a pagare una rata più alta, poiché comprensiva anche del capitale.

Durate più estese

Il mutuo prima casa per giovani può essere erogato per durate fino 40 anni. In questo modo sarà possibile cercare di abbassare il peso di ogni singola rata e arrivare così alla definizione di un importo mensile dei pagamenti che risulterà essere ben più affrontabile rispetto alle rate che potrebbero invece essere protagoniste di un piano di ammortamento per soli 10 o 20 anni.

Fino al 100% del valore dell’immobile

Un’altra caratteristica ricorrente del mutuo prima casa giovani è legata alla possibilità di richiedere un capitale fino al 100% del valore dell’immobile che si intende acquistare. Il valore della propria casa dei sogni potrebbe pertanto essere coperto interamente dal finanziamento.

Flessibilità

Tra le principali agevolazioni sussistenti, vi sono anche diverse opzioni di flessibilità che – peraltro – sempre più istituti di credito stanno cercando di applicare nei confronti di tutta la clientela ma che spesso vedono i più giovani come principali beneficiari. Tra le opzioni di flessibilità più ricorrenti rammentiamo la sospensione del pagamento della rata, la possibilità di modificare l’importo della rata o la combinazione di queste due opzioni, generalmente da fruirsi per un numero limitato di volte (2 o 3) nell’arco dell’intero piano di ammortamento.

Chiarito quanto sopra, il nostro consiglio nei confronti di tutte le persone che in questo momento si stanno avvicinando all’opportunità di richiedere un mutuo prima casa giovani, è quello di reperire diversi preventivi puntuali e trasparenti da mettere a confronto, al fine di individuare l’alternativa che risulterà essere più congrua, non solamente per quanto concerne il livello di tasso di interesse applicato (fisso o variabile), quanto anche per le varie caratteristiche di agevolazione e di flessibilità che potrebbero essere riservate al debitore principale, e che potrebbe trovare una particolare utilità nel corso dei primi anni della restituzione del capitale o in quelli successivi.